Page 7 - XI Report HS
P. 7

INTRODUZIONE


       It was developed by the WONCA International Classification Committee (WICC), and was
       first published in 1987 by Oxford University Press (OUP). A revision and inclusion of criteria
       and definitions was published in 1998. The second revision was accepted within the World
       Health Organization’s (WHO) Family of International Classifications.[1]
       Nasceva allora anche la IC-Process-PC (International Classification of Process in Primary
       Care) una interclassificazione di procedure, processi, prescrizioni ed interventi operazionali
       della Medicina Generale.
       La maggior parte di queste classificazioni ha dato luogo a codifiche astruse che, nel tentativo
       di far colloquiare tra loro elenchi di nomi di malattie, sintomi, procedure, farmaci, elenchi
       tabellari, producevano in realtà più confusione che chiarezza.
       Poi negli anni ’80, apparve James Read.
       Un giovane medico di famiglia poco più che trentenne che a Loughborough nel Leicestershire,
       inventò una classificazione destinata a rivoluzionare definitivamente l’approccio alla
       intercodifica  multidimensionale  della  Medicina  Generale  Inglese.  Tale  fu  l’impatto  della
       classificazione di Read, che essa nelle sue varie versioni fu acquisita onerosamente dal
       governo inglese (Crown copyright) che la mise poi a disposizione gratuitamente di tutti
       i  medici  inglesi. Essa consentì  la  costruzione  del  primo  database  storico  della  Medicina
       Generale del Regno Unito.
       Andai a trovarlo nel suo studio e lo invitai a presentare la sua classificazione nel corso di un
       congresso di informatica medica che tenevamo tutti gli anni in Umbria.
       ...The scheme was structured similarly to ICD-9: each code was composed of four consecutive
       characters: first character 0-9, A-Z (excepting I and O), remaining three characters 0-9, A-Z/
       a-z (excepting i,I,o and O) plus up to three trailing period ‘.’ charactersthe relative position of
       one code to another was represented through the code itself: [J...] is the common ancestor
       of all other codes with ‘J’ as the first character, and [J1..] in turn the common ancestor of
       all codes beginning ‘J1’.Because of its four character code structure, Read Codes version 1
       was more commonly known as 4-Byte Read. The first release was in April 1986; the final
       official release of 4-Byte Read occurred in April 2009. Read version 3 (Clinical Terms Version
       3 or ‘CTV3’The classification was developed in a context of increasing demand for quality
       information on primary care as part of growing worldwide attention to global primary
       health care objectives, including the WHO’s target of “health for all”.
       Oggi il processo di integrazione delle classificazioni della Medicina Generale è evoluto sino
       alla SNOMED CT. Un vocabolario clinico strutturato e specificamente destinato all’uso nelle
       cartelle elettroniche della Medicina Generale.
       SNOMED CT rappresenta il più completo ed esaustivo insieme di terminologia medica
       prodotta al mondo destinato a divenire lo standard da applicare a tutti i database attualmente
       esistenti.
       In questo contesto, venuto ormai a maturazione nel 1998, nacque a Firenze “Health
       Search”.

                                                                                 7
   2   3   4   5   6   7   8   9   10   11   12